Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Scalogno

Lo scalogno è una ottima alternativa alla cipolla, anche grazie alla maggior delicatezza al palato. Si può gustare nei soffritti, ma anche caramellato o in ricette di carne o vegetariane.

Scalogno

Ortaggio ricco di proprietà, lo scalogno è buono in tutte le salse. Se da crudo può costituire un’alternativa alla cipolla o all’aglio, cotto è ottimo caramellato, al forno, in agrodolce, per contorni diversi dal solito e ricchi di gusto. Parecchio versatile in cucina, ha una forma simile alla cipolla – regina incontrastata della tradizione – della quale è più piccolo: all’interno è suddiviso in spicchi. Scopriamo quali sono i valori nutrizionali dello scalogno ed in quali ricette utilizzarlo.

Scalogno, proprietà e valori nutrizionali

In quanto ai valori nutrizionali, lo scalogno contiene 72 calorie per 100 gr. E’ ricco di iodio, zolfo, zinco e selenio. Fonte di potassio, svolge azione benefica nei confronti di unghie e capelli, della tiroide e della prostata. Favorisce il funzionamento dei muscoli. E’ infine ricco di antiossidanti ed un buon alleato nella lotta al colesterolo cattivo.

Qual è la differenza tra cipolla e scalogno?

Sono molti gli chef che nei loro piatti preferiscono utilizzare lo scalogno, ma qual è la differenza con la cipolla? Se in via generale sono entrambi ottimi ingredienti per gustosi soffritti (con o senza carote e sedano), il sapore del primo è sicuramente più delicato di quello della seconda che, invece, si avverte nettamente nei piatti e, ahinoi, anche nell’alito. Delicato al palato e poco invadente, queste sono le caratteristiche per le quali in molti preferiscono lo scalogno alla cipolla.

Scalogno, come usarlo in cucina

Lo scalogno è notoriamente l’ingrediente immancabile della salsa bernese e di quella bordolese. Oltre che nei soffritti, si può aggiungere a parecchi piatti per insaporirli. Ad esempio, si può unire a molti contorni di verdure o a secondi piatti a base di carne ma, soprattutto, di pesce. Ottimo in alcune salse, si può utilizzare nei brodi, nel ragù di carne e nelle minestre (provate la zuppa di scalogno).

Ricette con lo scalogno

Oltre che crudo, può costituire il protagonista di piatti ricchi di gusto. Lo scalogno caramellato è probabilmente il più amato: si prepara facendo stufare l’ortaggio ed unendo zucchero e aceto balsamico assumendo, così, un sapore agrodolce. Si può cuocere al vapore o arrosto e gustare come contorno o, ancora, fare stufato in padella, da completare con delle erbe aromatiche a piacere. Le ricette vegetariane sono numerose, così come anche quelle dello scalogno con la pasta. Date una possibilità alla genovese di scalogno.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.