Sac à poche

Il sac à poche permette di decorare torte e biscotti con creme e glassa, di riempire bignè e anche di creare decorazioni per piatti salati.

Sac à poche

Il sac à poche (o tasca da pasticcere) è uno degli alleati più importanti in pasticceria: permette di decorare dolci e torte con rapidità e precisione, e, grazie alle numerose forme dei suoi beccucci, rende possibile creare in pochi istanti ciuffetti e decorazioni a base di crema e glassa. Può essere utilizzato anche in ricette salate, per decorazioni con purè, paté e salse dense.

Questo strumento è composto da due elementi principali: la tasca che ospita il ripieno che andrà a farcire e decorare bignè, biscotti o torte e il beccuccio che permette di direzionarlo. In base al diametro e alla forma del beccuccio si possono ottenere risultati diversi: da un tratto sottile e uniforme a uno più elaborato e zigrinato; il beccuccio può essere in acciaio o in plastica. In assenza di un sac à poche in casa è comunque possibile sostituirlo con un cono di carta da forno, da riempire di farcia, a cui tagliare il beccuccio con le forbici per permettere la fuoriuscita in maniera regolare della crema.

Il termine esatto “sac à poche” non esiste in lingua francese, ma, essendo composto da tre parole francesi, in italiano mantiene il genere maschile. Perciò, quando ci si domanda se è meglio rivolgersi al noto utensile come a il sac à poche o la sac à poche, è opportuno utilizzare il maschile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *