Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pandoro

Dolce simbolo del Natale, il pandoro di Verona è un’istituzione: eccone origini, ricetta, varianti e usi in cucina da solo o come ingrediente di irresistibili dessert.

Pandoro

Il pandoro è tra i dolci natalizi tradizionali. Fatto in casa o acquistato, non manca mai sulle tavole festive insieme al panettone. Nonostante la regione di provenienza per antonomasia sia il Veneto – famosa è la ricetta del pandoro di Verona – lo si prepara e gusta diffusamente in tutta la penisola. Scopriamone di più.

La ricetta e le varianti del pandoro

Oggi come oggi non esiste una sola ricetta del pandoro, anche se tutti abbiamo ben chiara in mente l’immagine del dolce natalizio: alto, dorato, dalla forma di tronco di cono ed i contorni a stella, si tratta di uno dei simboli del Natale. La ricetta classica prevede lievito naturale, uova, burro, vaniglia e zucchero a velo, oltre che diverse lievitazioni. Oggi lo si può preparare con il Bimby o le altre kitchen machine come Cuisine Companion, Kcook Multi e Monsieur Cuisine Connect, con il lievito madre, lo si trova senza glutine, farcito (al pistacchio e cioccolato tra i più golosi) ma si può anche acquistare quello artigianale presso una delle tante aziende sparse sul territorio.

Le origini del pandoro di Verona

Le origini del pandoro si possono riscontrare in un dolce del 1800, evoluzione di una preparazione simile di qualche secolo prima e considerata il dolce delle feste consumato dai nobili. Un’altra tesi vorrebbe, invece, che sia nato da un impasto importato dalla città di Vienna derivante da quello delle brioche gustate dai reali. Tuttavia, c’è una data ufficiale con la quale si fa coincidere la sua nascita: è il 14 ottobre 1894, giorno in cui Domenico Melegatti ne depositò il brevetto. Da allora è storia.

Il pandoro in cucina, usi e ricette

Il pandoro si gusta generalmente da solo, spolverato dall’immancabile zucchero a velo vanigliato. Il massimo del gusto lo si ottiene scaldandolo, quando il burro al suo interno si scioglie regalando una consistenza sofficissima. Molti lo abbinano alla crema di mascarpone, qualcuno lo usa come base per il tiramisù al posto dei savoiardi di dolci al cucchiaio. I più ingordi, infine, vi spalmano sopra la Nutella o la crema al cioccolato spalmabile fatta in casa.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.