Il Ministero della Salute richiama Salame Napoli: rischio microbiologico per possibile Salmonella

Il Ministero della Salute richiama Salame Napoli: rischio microbiologico per possibile Salmonella

Il Ministero della Salute ha recentemente emesso un richiamo ufficiale riguardante alcuni lotti di salame Napoli a causa di un rischio microbiologico legato alla possibile presenza di Salmonella spp. Tale iniziativa è stata presa al fine di garantire la sicurezza alimentare e tutelare la salute dei consumatori. La possibile presenza di Salmonella spp. espone infatti al rischio di manifestare gravi disturbi gastrointestinali e rappresenta una preoccupazione significativa per i consumatori.

Per tutti gli avvisi segui i canali Richiami Alimentari e Ritiri Alimentari, inoltre puoi seguirci su Google News!

Il richiamo riguarda specificamente i seguenti lotti di salame Napoli, i cui prodotti non devono essere consumati, ma devono essere riportati al punto vendita d’acquisto:
  • Prodotto: Salame Napoli
  • Osa di commercializzazione e produttore: Salumificio Volpi Spa (stabilimento IT 210 L CE)
  • Lotto di produzione: L231220, L231227, L240103, L240105
  • Scadenza: 08/02/2024, 15/02/2024, 22/02/2024, 24/02/2024
  • Peso unità di vendita: 80 g

È importante che i consumatori verifichino la presenza dei prodotti indicati nelle loro dispense e, in caso di acquisto recente, controllino il lotto e la data di scadenza per assicurarsi di non consumare alimenti potenzialmente contaminati.

La presenza di Salmonella spp. nei prodotti alimentari può causare gravi problemi di salute, in particolare disturbi gastrointestinali come nausea, vomito, diarrea, dolori addominali e febbre. Questi sintomi possono manifestarsi entro 6-72 ore dall’assunzione di alimenti contaminati e possono durare da alcuni giorni a diverse settimane. Nei casi più gravi, specialmente nei soggetti più vulnerabili come bambini, anziani e persone immunocompromesse, l’infezione da Salmonella può portare a complicazioni più serie e richiedere cure mediche immediate.

È fondamentale che i consumatori che hanno acquistato i prodotti coinvolti nel richiamo evitino di consumarli e li restituiscano al punto vendita di acquisto. Nel caso in cui si siano già verificati sintomi correlati all’infezione da Salmonella, si consiglia di consultare immediatamente un medico per una valutazione approfondita e le necessarie cure.