Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Si può congelare il lievito? Ecco come conservarlo a lungo

Il lievito può essere congelato? Che sia lievito madre, lievito di birra fresco o secco, ecco i consigli per conservarlo al meglio nel congelatore.

Congelare il lievito e conservarlo

Di birra o madre, il lievito è un ingrediente versatile in cucina che chi nutre una certa passione per i prodotti da forno sicuramente acquista o utilizza frequentemente. Garantisce agli impasti ai quali va aggiunto una lievitazione impeccabile in seguito alla quale acquistano una sofficità invidiabile.
Alla base di brioche, pizze e focacce, il lievito in genere può essere conservato in frigo. Ma può anche essere congelato?

Si può congelare il lievito madre?

Che l’abbiate acquistato o fatto in casa la risposta è sì, si può congelare il lievito madre. Chi è solito averci a che fare sa bene che, per essere mantenuto in vita, il lievito madre ha bisogno di frequenti rinfreschi. Ma se non lo si utilizza altrettanto frequentemente o se non gli si può stare dietro per lunghi periodi, alla conservazione in frigo si può preferire quella in freezer.

Congelare il lievito madre può risultare utile durante l’estate, quando si parte in vacanza per le ferie, o in tutti quei periodi prolungati durante i quali non si è in casa.

Come congelare il lievito madre

Per congelare il lievito madre, stendetelo su un foglio di carta forno in modo da ottenere un panetto. Copritelo con altra carta forno ed avvolgetelo con della carta stagnola, poi con della pellicola. Posizionate il pacchetto ottenuto in freezer.
Così avvolto, il lievito madre si conserva per circa un anno. Ponendo la pasta madre in freezer, infatti, se ne provoca il rallentamento delle funzione vitali senza, per questo “ucciderla”.

Lievito di birra fresco, si può congelare?

Si può congelare il lievito a cubetti? Questo, altro non è che il lievito di birra fresco, quello che al supermercato troviamo nel banco frigo. Ingrediente indispensabile per molte preparazioni, il lievito di birra viene utilizzato per preparare numerosi prodotti da forno, specie pizze e focacce. Il cubetto di lievito di birra può essere congelato in freezer per evitare che vada a male e non sia più utilizzabile. In frigo, infatti non dura che più di 7 giorni.
Importante, però, è che la confezione sia intatta, in quanto per una corretta conservazione non deve prendere aria. Se ne avete utilizzata una parte, avvolgete perfettamente quella che intendente utilizzare nella pellicola trasparente. Per scongelarlo tiratelo fuori dal freezer e ponetelo in frigo. Attendete che si ammorbidisca e utilizzatelo. Il lievito di birra in freezer può essere conservato anche dopo la sua data di scadenza e per circa 2 mesi e mezzo. Una volta scongelato, va consumato nel giro di un paio di settimane.

Congelare il lievito di birra nella carta stagnola

C’è chi, utilizzando solo pochi grammi di un panetto di lievito di birra da 25 g, è solito congelarlo nella stagnola. Congelare il lievito di birra sbriciolato nella carta stagnola si può: fatene delle piccole caramelle da tirare fuori all’occorrenza. E’ consigliabile, però, avvolgerle ulteriormente nella pellicola trasparente.

Si può congelare il lievito secco?

Molti si chiedono se si possa congelare il lievito di birra secco. Questo non è altro che lievito di birra liofilizzato. In sostanza, è un lievito al quale è stata sottratta tutta l’acqua per aumentare il tempo di conservazione.
Se come conservare il lievito di birra secco, in linea generale, è chiaro – il tempo di conservazione è di 6 mesi se posto in un luogo asciutto e buio – una volta aperta la confezione è necessario consumarlo entro un mese. Se lo si vuole congelare, lo si può mettere all’interno di un contenitore ermetico di piccole dimensioni e quindi in freezer.

Come scongelare il lievito congelato

Per scongelare il lievito congelato, sia esso di birra che la pasta madre, basta semplicemente tirarli fuori dal freezer e porli in frigo, per favorire uno scongelamento il meno traumatico possibile. Il lievito di birra può anche essere subito scongelato all’interno di poco liquido tiepido, magari insieme ad un cucchiaino di zucchero.

Non mettete mai il lievito di birra all’interno di liquidi troppo caldi, le alte temperature lo rendono inattivo.

Se il lievito di birra si può utilizzare subito, il lievito madre, invece, necessita di essere riattivato con un rinfresco.

Il lievito congelato è cancerogeno?

Tale credenza, piuttosto diffusa, è errata. Probabilmente si è fatta strada a causa del dubbio che il pane scongelato – del quale il lievito è ingrediente imprescindibile – fosse cancerogeno. Ciò a seguito di alcuni studi che hanno dimostrato come il congelamento cambi la struttura degli amidi presenti nel pane stesso. Tale cambiamento, esclusivamente organolettico, tuttavia non crea rischi per la salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.