Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Vodka

Distillato tra i più bevuti al mondo, la vodka è protagonista dei più famosi cocktail: ecco come si produce, quanti gradi ha e come si usa in cucina.

La vodka è una bevanda alcolica la cui paternità è contesa tra Russia e Polonia. Viene bevuta liscia, utilizzata per la preparazione di numerosi cocktail ed in cucina in diverse ricette. La vodka – originariamente di patate, poi di cereali (anche se gli ultimi anni hanno segnato un ritorno alle origini) – è uno dei distillati più bevuti nel mondo la cui gradazione merita un approfondimento. Disponibile in commercio in diverse varianti di gusto (le marche fanno a gara a chi ne produce di più, anche se la vodka alla pesca rimane un must), scopriamone di più.

Come si produce la vodka

A differenza di molti altri alcolici, la vodka si caratterizza per la ricerca, in tutte le fasi della sua produzione, di ottenere un distillato quanto più possibile puro. Ci sono vodke che, a tal fine, vengono distillate anche 40 o più volte. La prima tappa della sua produzione vuole che le patate, o i cereali di turno, vengano macinati con acqua e fatti fermentare con lieviti selezionati fino ad arrivare a 8 gradi. Successivamente si procede con le altri distillazioni fino ad ottenere il risultato desiderato.

Quanti gradi ha la vodka

Partiamo dal presupposto che, per essere ritenuta tale, la vodka deve avere una gradazione alcolica minima di 37,5 gradi. Quelle disponibili in commercio solitamente li superano leggermente. Questo per quanto riguarda sia i gradi della vodka liscia che di quella aromatizzata.

Vodka in cucina, le ricette

Un doveroso cenno meritano subito le pennette alla vodka e salmone, piatto iconico degli anni ’80. Oggi si continua ad unirla a diversi sughi per la pasta, a primi e secondi a base di pesce (come i gamberi alla vodka), ed anche nella cottura della carne – come il pollo – quando si versa in padella e si fa sfumare su fiamma diretta. Come è ovvio dedurre, è protagonista della cucina russa, nell’ambito della quale si abbina bene al caviale, alle uova sode, alle tartine di pane con burro e acciughe.

Tutti i cocktail con la vodka

Oltre la vodka alla pesca, come anticipato esistono diverse varianti di gusto del distillato. Tra le più amate ci sono la vodka alla fragola, la vodka alla menta e quella al caramello, una chicca. Tra i più famosi cocktail realizzati con la vodka ci sono il Moscow Mule, il Sex on the Beach, il Cosmopolitan, il Bloody Mary, la Caipiroska ed il Kamikaze.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.