Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Zucchero di canna

Lo zucchero di canna è uno zucchero poco rifinito, ben riconoscibile grazie al suo colore ambrato più o meno chiaro in base alla presenza di melassa.

Zucchero di canna

Lo zucchero di canna è un tipo di zucchero grezzo, ricavato dalla pianta della canna da zucchero, grazie alla quale mantiene buona parte delle sue melasse naturali, responsabili del colore caramellato che lo caratterizza. Ha una texture poco raffinata, con granuli grandi e più difficili da sciogliere rispetto a quelli dello zucchero bianco.

100 grammi di zucchero di canna contengono circa 380 kcal.

Come si ottiene e a cosa serve lo zucchero di canna?

Lo zucchero di canna è uno dei tipi di zucchero che si ricava dalla pianta della canna da zucchero (utilizzata anche per lo zucchero semolato, lo zucchero Demerara e lo zucchero Muscovado). Le canne vengono macinate per estrarre lo zucchero grezzo, successivamente vengono fatte macerare e i succhi della pianta vengono fatti fuoriuscire. Rimosse le parti solide rimanenti, il succo viene poi scaldato e concentrato in uno sciroppo per ottenere lo zucchero, misto alla melassa. Parte della melassa viene successivamente eliminata e lo zucchero viene fatto nuovamente essiccare prima di confezionarlo per la vendita.

Il tipo di zucchero di canna più “puro” è senza dubbio lo zucchero di canna integrale biologico, meno raffinato rispetto agli altri tipi di zucchero e soprattutto leggermente meno calorico.

In cucina è ideale per dolci nelle quale conta anche la texture oltre che l’aspetto: il suo sapore si sposa bene con torta di mele, torta di mandorle e biscotti croccanti. È comunque possibile trovarlo anche al bar, per dolcificare il caffè e le altre bevande calde.

Differenze tra zucchero di canna e zucchero bianco

La differenza principale tra i due tipi di zucchero è data dalla colorazione e dalla grana: lo zucchero di canna è ambrato, quello semolato è appunto bianco. La grana del primo è meno rifinita e più grossa, lo zucchero bianco invece si preferisce generalmente quando occorre uno zucchero più fine (può comunque essere ridotto in polvere finissima tramite robot da cucina o mixer). Quando ci si domanda se faccia male più o meno di quello bianco, in realtà è necessario considerare che sono entrambi zuccheri raffinati, la melassa contenuta in quello di canna talvolta è più nutriente ma molto spesso viene aggiunta in un secondo momento durante il processo industriale di raffinazione, andando perciò a rendere le proprietà nutrizionali dei due zuccheri molto simili.

Alternative allo zucchero di canna

Se non si ha a disposizione lo zucchero di canna è possibile usare lo zucchero Turbinado, simile sia nel gusto che nella texture a quello di canna. Può essere utilizzato al suo posto anche lo zucchero bianco qualora sia necessario dolcificare un impasto, tenendo a mente che lo zucchero di canna si scioglie più lentamente.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.