Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

More

Frutti di bosco versatili e deliziosi, le more sono gustose e caratterizzate da valori nutrizionali degni di nota: ecco proprietà e ricette.

More

Le more, frutto prodotto dalla pianta del rovo il cui periodo di raccolta coincide con l’estate, sono ricche di preziose proprietà e caratterizzate da valori nutrizionali da scoprire. Ottime da mangiare al naturale per spuntini salutari, si possono usare in cucina in ricette deliziose. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

More, proprietà e valori nutrizionali

Caratterizzate da numerose proprietà, le more sono ricche di sali minerali e fibre, e apportano diversi benefici. 100 grammi di more contengono 43 calorie. Sono antiossidanti, antibatteriche, depurative e antinfiammatorie grazie ai tannini, e rappresentano una fonte di vitamine C, A, E e del gruppo B (l’acido folico le rende perfette per la gravidanza). Tra i sali minerali spiccano, in particolar modo, magnesio, calcio e ferro. Le more hanno un basso indice glicemico e sono di conseguenza indicate per chi soffre di diabete. Sono anche diuretiche e garantiscono un corretto funzionamento dell’intestino.

Ricette con le more

Le more sono ottime al naturale, quando possono costituire una merenda sana e nutriente. Da fresche si possono semplicemente aggiungere allo yogurt per colazione, ai frullati, al porridge e utilizzare come guarnizione di coppe gelato e diversi dessert. Si prestano, per loro natura, ad essere utilizzate per preparare una deliziosa marmellata di more oppure per cheesecake, torte e crostate, ma anche dolci al cucchiaio.

Come usare le more nelle ricette salate? Tra gli antipasti, da provare è la tartare di carne con le more. Tra i primi piatti, invece, che ne dite del risotto more e speck?

Differenza tra more e gelsi

Da non confondersi con le more sono le more di gelso, frutto altrettanto delizioso. Iniziamo dagli alberi: quello di gelso – di medie dimensioni – appartiene al genere Morus; il rovo, invece, al genere Rubus. Le more hanno la caratteristica forma tonda, sono di colore nero ed hanno un aspetto lucido. Le more di gelso (o morici), invece, sono caratterizzate dalla forma allungata, opaca e possono essere di varie sfumature di colore.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.