Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Ricotta salata

Sua maestà la ricotta salata siciliana: protagonista indiscussa della pasta alla Norma, scopriamone calorie, valori nutrizionali e durata in frigo.

Ricotta salata

La ricotta salata siciliana, protagonista di ricette della tradizione quali, ad esempio, la pasta alla Norma, è un formaggio reperibile in diverse stagionature. C’è la ricotta salata fresca, quella al forno e quella dura. Dalle calorie maggiori rispetto alla comune ricotta, va prevalentemente grattugiata quasi fosse un condimento data la sua estrema sapidità.

Ricotta salata fatta in casa

Nel caso in cui ci si voglia cimentare nella ricetta della ricotta salata fatta in casa, vi basti sapere che questa si ottiene dalla ricotta di pecora, la quale viene sottoposta a diversi procedimenti (nel dettaglio, la spurgatura e la successiva salatura, alla quale segue la stagionatura, che ha una durata variabile ma non superiore al mese.) Per ottenerla, versate una ricotta fresca su un panno pulito, spargete sopra abbondante sale, quindi arrotolate bene il panno e conservate in frigo per tutta la notte. Il giorno seguente sostituite il panno e cambiatelo dopo 24 ore. Ripetete tale operazione per 4 giorni, quindi fate asciugare il formaggio per una decina di giorni.

Ricotta salata al forno siciliana

La ricotta salata al forno siciliana, nota anche come ricotta infornata, è una variante sul tema. E’ un prodotto caseario veramente apprezzato che si ottiene, come è facile dedurre, dalla cottura in forno della ricotta trascorsa una settimana dalla sua salatura. Rispetto alla ricotta dura ha una consistenza più morbida e umida ed un sapore meno sapido ma sempre gustoso.

Ricotta salata, quanto dura in frigo?

La ricotta salata si conserva più a lungo rispetto a quella fresca. Dura, appositamente avvolta e posta all’interno del frigo – ad una temperatura di +2/+8 C° – per diverse settimane. Ciò grazie all’elevato contenuto di sale e al fatto che sia stata privata di gran parte dell’acqua al suo interno. Se non avete in programma di consumarla subito, potete sempre conservarla sottovuoto.

Ricette con la ricotta salata

Come anticipato, la ricotta salata è, insieme alle melanzane ed alla passata di pomodoro, l’ingrediente imprescindibile non solo della pasta alla Norma, ma anche degli involtini di maccheroni e di molte altre ricette siciliane di primi e secondi piatti. Compare in molte preparazioni tipiche del Sud Italia, ma in generale si usa per insaporire zuppe e minestroni, vellutate e primi piatti con la pasta. Molti la grattugiano sopra gli spaghetti al pomodoro al posto del parmigiano ed anche sulle verdure cotte semplicemente in umido, come le zucchine e le patate. Ideale, infine, nelle preparazioni da forno come timballi e torte salate, la troviamo anche sulla pizza alla Norma.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo conteniuto o utilizzare questa funzionalità, abilita i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.